Carmen | Storie da un quartiere
Il progetto 'Carmen storie da un quartiere' è un lavoro fotografico che ho svolto sul quartiere storico di Brescia chiamato Carmine, un rione popolare che ha goduto per anni da una pessima fama. Il progetto mira attraverso un approcio etnografico di comprendere le dinamiche sociali all’interno del quartiere, a verificare quanto l’immagine, spesso negativa, veicolata dai media locali corrisponda al vero e in che modo le tre categorie predominanti - gli autoctoni, gli stranieri e gli universitari - convivano nello stesso luogo. L’idea più diffusa è che il quartiere abbia perso negli ultimi anni la propria identità e la propria cultura
“originaria”, assumendo un carattere multietnico. Convivere non è semplicemente coesistere in uno stesso luogo, ma è un lento processo di interrelazione tra diverse realtà. Le strisce fotografiche nella sezione conclusiva del libro tentano di mostrare come le persone prediligano ed evitino alcune zone rispetto ad altre. La coesistenza è evidente, ma la convivenza multietnica può dirsi raggiunta?
 
-----
 
Carmen, storie da un quartiere is an ethnographic research regarding an historic area of Brescia called Carmine. The project take to aim to better understand the social context of this area, verify in person the reality of a place often described in negative terms by the local media. The common opinion is that this area has lost its identity and its original culture during the latest years and it has taken a multiethnic character because of the large number of immigrants that are now living in there. Due to this change the Carmine has been perceived and described as an insecure and dangerous place. Live together it does not simply mean coexist in the same place, but is a slow process of relations between different realities. The six stripes tend to show how people prefer walk in some areas of the district and how they avoid some other areas. 
The coexistence of the people in the same place is evident, but how much the multiethnic cohabitation of the people is successful?
 
 
Back to Top